Conto Termico: al 1° ottobre di quest’anno la disponibilità residua per i privati ammonta ancora a quasi 633 milioni di euro

Il Conto Termico 2.0 – introdotto dal decreto 28/12/2012 e aggiornato nel maggio del 2016 – è una importantissima misura che incentiva interventi di efficienza energetica e produzione di energia termica da fonti rinnovabili (il contributo arriva anche al 65% per l’installazione di pompe di calore, caldaie e apparecchi a biomassa, sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici). Il Governo italiano ha messo a disposizione 900 milioni di euro, di cui 200 per la Pubblica Amministrazione e ben 700 milioni per i Privati. Il “Contatore” del GSE che evidenzia l’accesso all’incentivo, ci dice che al 1° ottobre di quest’anno la disponibilità residua per i privati (dopo le richieste già pervenute ed ammesse al contributo) ammonta ancora a quasi 633 milioni di euro. Una cifra enorme a disposizione di tutti i cittadini, per rinnovare gli impianti di riscaldamento e riqualificare le case all’insegna dell’efficienza, del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale. Non è il caso di farci un pensierino? Vi aspettiamo in azienda per offrirvi la soluzione giusta per voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *